Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community

Presentazione

libri.jpg

Il Dottorato prevede i seguenti curricula: Anglistica, Francesistica, Germanistica, Iberistica, Linguistica, Onomastica, Romanistica, Slavistica.

Coordinatore: Prof. Paolo Bertinetti
Dirata del corso: 3 anni

Le tematiche affrontate sono trasversali, rilevanti in ciascuna delle varie aree culturali (e scientifico-disciplinari) presenti nel curricolo. Il Dottorato  si propone di sviluppare gli aspetti cruciali della ricerca letteraria e linguistica avvalendosi delle metodologie che la comunità scientifica di riferimento considera di basilare rilievo in tali settori (analisi testuale, analisi tematica, indagine semiologica, elaborazione dei corpora, e altre ancora).

Le competenze attese al momento della conclusione del Dottorato corrispondono alle cinque indicate dai descrittori di Dublino:

  • padronanza dei contenuti del campo di ricerca e delle sue metodologie
  • capacità di produrre un lavoro di ricerca di indiscutibile livello accademico 
  • originalità del prodotto della ricerca
  • capacità di esercitare analisi critica e di rapportarsi positivamente alla comunità scientifica del settore
  • capacità di promuovere lo sviluppo degli studi del settore stesso nella vita accademica e professionale.

Il Dottorato si propone di formare studiosi capaci di intraprendere la carriera accademica nei settori di pertinenza e di acquisire un'approfondita conoscenza da utilizzare nell'industria culturale, nella ricerca e nell'insegnamento.

A tale scopo il Dottorato, nel rispetto delle specificità delle diverse aree disciplinari, promuove, organizza e gestisce corsi, seminari, convegni e progetti formativi interdisciplinari, finalizzati all’acquisizione delle competenze necessarie per esercitare attività di ricerca di alta qualificazione presso università italiane o straniere, nonché presso enti pubblici e soggetti privati.
Il Dottorato si caratterizza per l’esportabilità del modello di ricerca proposto, giovandosi degli apporti di ambiti linguisticamente e culturalmente diversi. In particolare le ricerche onomastiche e lessicografiche costituiscono ambiti di studio trasversali tra le diverse discipline presenti nel Dottorato, che trovano un altro elemento unificante nell’attenzione rivolta alle tecnologie informatiche. 
Sulla base di queste premesse il Dottorato si propone di formare dottori di ricerca che sappiano coniugare una conoscenza teorica approfondita di un campo di ricerca nell’ambito delle discipline afferenti al Dottorato con un’adeguata riflessione critica sulle metodologie utilizzate. In ambito metodologico verrà dedicata particolare attenzione all’avanzamento delle conoscenze nella progettazione e applicabilità delle tecnologie dell’informatica umanistica.

Gli studi di linguistica dei corpora e di trattamento informatico delle lingue naturali costituiscono infatti un settore di interesse comune all’interno del Dottorato. In questo ambito le ricerche portate avanti da dottorandi e docenti potranno contribuire sia allo sviluppo nelle conoscenze di singoli settori sia alla riflessione metodologica sui rapporti tra studi umanistici e sviluppi tecnologici. Per quanto riguarda l’onomastica, il Dottorato rivolge l’interesse anche ai sistemi onomastici europei, ai sostrati e ai superstrati che agiscono sulla toponomastica, al lessico che interviene nella formazione dei nomi, dei cognomi e dei toponimi, ai rapporti tra grammatica dell’onomastica e grammatica della lingua comune, oltre che all’onomastica letteraria. 

Coniugando aspetti teorici e metodologici, il Dottorato organizza attività didattiche (lezioni, conferenze, seminari, stage applicativi) che permettano di sviluppare consapevolezza analitica e capacità di sintetizzare questioni teoriche complesse come premesse per proposte interpretative originali. A questo scopo anche nella valutazione in itinere dei dottorandi (passaggi all’anno successivo) si terrà conto in particolare della capacità di proporre e difendere progetti di ricerca che uniscano capacità critica e consapevolezza metodologica. I dottorandi verranno indirizzati alla partecipazione attiva a convegni e seminari in sedi nazionali e internazionali, onde sviluppare e potenziare abilità specifiche connesse con la comunicazione e diffusione delle proprie ricerche.

  • Dipartimento di Lingue e letterature straniere e Culture moderne
  • Biblioteca dipartimentale Giorgio Melchiori 
  • Centro linguistico d’Ateneo (CLA) 
  • Laboratorio di Fonetica Sperimentale A. Genre di Torino
  • Centri interdipartimentali di informatica per le Facoltà Umanistiche 

  • L-LIN/01  (10/G - Glottologia e linguistica)
  • L-LIN/02  (10/G - Glottologia e linguistica)
  • L-LIN/03  (10/H - Francesistica)
  • L-LIN/04  (10/H - Francesistica)
  • L-LIN/05  (10/I - Ispanistica)
  • L-LIN/07  (10/I - Ispanistica)
  • L-LIN/08  (10/E - Filologie e letterature mediolatina e romanze)
  • L-LIN/09  (10/E - Filologie e letterature mediolatina e romanze)
  • L-LIN/10  (10/L - Anglistica e angloamericanistica)
  • L-LIN/11  (10/L - Anglistica e angloamericanistica)
  • L-LIN/12  (10/L - Anglistica e angloamericanistica)
  • L-LIN/13  (10/M - Lingue, letterature e culture germaniche e slave)
  • L-LIN/14  (10/M - Lingue, letterature e culture germaniche e slave)
  • L-LIN/17  (10/E - Filologie e letterature mediolatina e romanze)
  • L-LIN/21  (10/M - Lingue, letterature e culture germaniche e slave)
  • L-OR/12  (10/N - Culture dell'oriente)
  • L-OR/22  (10/N - Culture dell'oriente)
  • L-FIL-LET/09  (10/E - Filologie e letterature mediolatina e romanze)
  • L-FIL-LET/12  (10/F - Italianistica e letterature comparate)
  • L-FIL-LET/14  (10/F - Italianistica e letterature comparate)

a. Il programma formativo del Dottorato prevede fasi di apprendimento strutturato (lezioni specifiche per il dottorato di ricerca, cicli di conferenze e seminari, partecipazione a convegni nazionali ed internazionali) a momenti di formazione laboratoriale, finalizzati all’acquisizione di strumenti teorici e metodologie avanzate per lo svolgimento dell’attività di ricerca.
A seconda dei progetti di ricerca selezionati, i dottorandi dovranno fare riferimento al docente che possiede particolare competenza e interesse rispetto all'argomento della ricerca. Il tutor verrà quindi assegnato al dottorando contestualmente all'attribuzione del titolo della tesi.
Il Dottorato predisporrà attività formative e di ricerca opportunamente mirate. Saranno organizzate conferenze ad invito con la partecipazione di studiosi italiani e stranieri.
Le attività formative potranno svolgersi sia presso l’Ateneo torinese sia presso le sedi consorziate, sia nelle sedi di frequenza di corsi all'estero certificate dal tutor.

b. L’obiettivo del Dottorato è quello di formare studiosi in grado di accedere alla carriera universitaria e a posti di piena responsabilità in enti pubblici e privati che richiedano indiscussa competenza nei relativi ambiti culturali. La distribuzione tra didattica e attività di ricerca sarà graduata in modo tale da concentrare nel primo e nel secondo anno di corso la maggior parte della formazione alla ricerca, riservando il terzo anno prevalentemente alla redazione definitiva della tesi di dottorato: nel corso del primo anno i dottorandi, assegnato il lavoro di tesi corrispondente al progetto scelto, frequenteranno cicli seminariali riguardanti i principali settori del loro ambito di studio; alla fine del primo anno saranno tenuti a presentare tre relazioni di tipo saggistico e in base a una positiva valutazione delle stesse da parte del Collegio Docenti saranno ammessi al secondo anno.
In base alle diverse tipologie di progetto, potrà essere predisposta per i dottorandi un'apposita scheda utile per certificare le attività svolte in forma di didattica individuale e coerente con le finalità di formazione, qualificante per la vasta diversificazione degli insegnamenti specifici.
Nel corso del secondo anno frequenteranno i cicli seminariali che riguardano argomenti attinenti la tesi di dottorato (e presenteranno relative relazioni ). Nel corso del secondo anno (e se necessario anche durante il terzo) il dottorando effettuerà un periodo di ricerca legato all’argomento della tesi presso un'università straniera convenzionata. Il terzo anno è dedicato alla stesura finale della tesi.

c. In base al giudizio positivo in itinere derivante dalla valutazione delle relazioni e in base al parere positivo del/dei tutors sul lavoro di tesi svolto il dottorando sarà ammesso all'esame finale di tesi. La proroga potrà essere concessa solo per ragioni non riguardanti la qualità del lavoro svolto.

d. La valutazione finale spetterà alla Commissione, che ovviamente terrà conto della valutazione fornita dai tutors.
Nel periodo formativo i dottorandi, come si è detto, sono tenuti a presentare relazioni scritte su argomenti attinenti l'ambito della loro ricerca. Le migliori di esse saranno pubblicate nelle riviste di settore.
L’ammissione all’esame finale sarà subordinata al raggiungimento dei CFU previsti e all’approvazione della tesi da parte del collegio docenti su proposta del tutor. In caso di giudizio negativo si accoglie la possibilità di proroga, se giustificata dallo stato di avanzamento della ricerca.
Il prodotto finale attesto al termine del periodo formativo è costituito dalla tesi di ricerca, che dovrà presentare caratteristiche di scientificità e originalità, respiro teorico e buona capacità di approfondimento dei fenomeni indagati.

e. Potrà inoltre essere valutata la produttività del dottorando, considerando la partecipazione a ricerche di carattere locale o nazionale, a convegni e seminari presso altre università italiane e straniere, preparando poster, contributi, articoli per pubblicazione. Accanto alle pubblicazioni a stampa (contributi, rapporti di ricerca, cura di atti, voci di enciclopedia, voci lessicografiche), saranno inoltre considerate le nuove tipologie di prodotti multimediali (repertori elettronici, corpora linguistici, siti multimediali).

Ultimo aggiornamento: 07/10/2019 13:09